Visualizza articoli per tag: sagre

Mercoledì, 07 Marzo 2018 17:45

Li Cannarozzitti

La Sagra de “Li Cannarozzitti” nasce nel 1978, da un'idea di Costanzo Micarelli che, insieme ai suoi compagni “festaroli” di allora, ha voluto creare un evento che permettesse all'intera popolazione di Bacugno di ritrovarsi in piazza e consumare una cena in un'atmosfera serena e conviviale.

Li Cannarozzitti venivano e vengono tutt'ora offerti alla cittadinanza dal Comitato Festeggiamenti “S. Maria della Neve” anche per ringraziare la popolazione bacugnese per la sentita e calorosa partecipazione alla festa.

“Li Cannarozzitti”, conosciuti oggi con il nome di “cannolicchi”, sono un formato di pasta tipico italiano, trafilato al bronzo. Agli inizi degli anni Ottanta, quello dei cannolicchi era uno dei pochi formati esistenti (almeno, questo è ciò che narrano gli anziani di Bacugno!) ed erano anche tra i più economici. Venivano cucinati con un semplice sugo a base di pomodori pelati e peperoncino; di seguito, la ricetta per chiunque voglia assaggiare “li cannarozzitti”!

Ricetta de “LI CANNAROZZITTI”:

Ingredienti:

  • 500g ditaloni rigari
  • 500g pomodori pelati
  • 2/3 spicchi di aglio
  • peperoncino a piacere
  • olio e.v.o.
  • Prezzemolo
  • sale

Procedimento:

In una padella mettere a scaldare qualche cucchiaio di olio extravergine, aggiungere gli spicchi di aglio e il peperoncino a piacere. Quando l'aglio diventa dorato, toglierlo dalla padella e unire i pomodori pelati tagliati a pezzetti. Lasciar cuocere per 15/20 minuti circa a fuoco medio.

Nel frattempo, cuocere la pasta in abbondante acqua salata. Dopo averla tirata fuori dall'acqua e scolata al dente, saltarla in padella col sugo appena preparato. Aggiungere del prezzemolo fresco tritato e servire.

Osservazione: Non esiste un'indicazione precisa su quanto peperoncino utilizzare, perché il grado di piccantezza desiderato è molto soggettivo. Ovviamente, più peperoncino si aggiunge e più la pasta sarà “arrabbiata”!

Pubblicato in Ricette tipiche
Mercoledì, 07 Marzo 2018 17:43

La pecora Allu Cotturu

La pecora allu cotturu è un piatto molto povero che veniva preparato tanti anni fa durante la transumanza, quando intere famiglie si spostavano per percorrere il lungo cammini che le portava nelle campagne Romane o nel Tavoliere delle Puglie.

Poiché le pecore e gli agnelli più belli venivano destinati alla vendita per trarne un guadagno e quindi per riuscire a vivere, le famiglie preparavano questo piatto con le pecore morte di fatica, o con le pecore azzoppate che venivano uccise.

La pecora veniva fatta cuocere per tante ore nei vecchi caldai sul fuoco vivo con un pò di sedano, carota e cipolla e l’aggiunta di aromi molto semplici.

Ricetta della Pecora Allu Cotturu

Ingredienti

  • 2kg di pecora (magra)
  • 100g di sedano
  • 100g di carota
  • 100g di cipolla
  • 1 foglia di alloro
  • 1 limone (sgrassa la carne)
  • Sale QB
  • Peperoncino (a piacere)

Procedimento

Tagliare la pecora a pezzi, far bollire in acqua per circa 15 minuti eliminando la schiuma che si forma in superfice. (sbollentare la pecora serve ad eliminare il grasso)

Togliere la pecora dall’acqua, rimettere in acqua bollente con alloro, sedano, carota e metà della cipolla e portare la pecora a cottura.

A fine cottura far soffriggere l’altra metà della cipolla in una padella, sfumare con del vino bianco e aggiungere alla carne.

Pubblicato in Ricette tipiche
Mercoledì, 07 Marzo 2018 15:50

Lu Farrecillu o Le Colenne

Il farro è considerato la più antica tipologia di cereale coltivata dall’uomo e per molto tempo ha avuto un ruolo fondamentale nell’alimentazione umana. La sua coltivazione, tuttavia, è stata relegata in alcune zone isolate o lentamente soppiantata dall’introduzione della coltivazione del grano, che garantisce una maggiore resa.

Nella nostra vallata, così come nel resto dell’Alta Valle del Velino e più in generale del Centro-Italia, la coltivazione del farro ha rappresentato fino a qualche tempo fa una delle attività predominanti del mondo contadino, incentrato su pastorizia e agricoltura: infatti, era un prodotto impiegato per uso familiare, che richiedeva piccoli interventi colturali su appezzamenti di terreni anche poco estesi.

Risulta evidente pertanto il perché sia l’ingrediente principale di molti piatti tradizionali, spesso molto poveri, come a rimarcare la sua importanza nutrizionale ed economica. Con esso si preparavano minestre, zuppe, secondi piatti in umido o con l’aggiunta di pomodoro (solo nel secondo dopoguerra, quando la coltivazione del pomodoro giunse nel territorio).

La storia

I comitati che si sono susseguiti negli anni, e ultimamente l’Associazione, si sono attivamente adoperati nel promuovere la riscoperta degli antichi sapori e la loro diffusione tra chi non è del posto attraverso l’istituzione di sagre.

In particolare, durante i festeggiamenti in onore di “Santa Maria della Neve” è stata istituita la sagra delle “colenne” o del “farrecillu” (come è più conosciuta tra i Bacugnesi), che consiste nella preparazione di una minestra a base di farro e che ha riscosso grande successo fin da subito tra i partecipanti all’evento.

Questo piatto molto povero appartiene alla storia del nostro paese perché un tempo era preparato per i festeggiamenti di Sant’Antonio abate. Il 16 gennaio nelle frazioni di Picciame, Fontarello, Steccato, Bacugno e Figino alcune famiglie si adoperavano alla preparazione della minestra all’interno di un caldaio e da questo attingevano tutte le altre famiglie. Questo momento di condivisione, in un’epoca in cui la collaborazione e il reciproco aiuto avevano un radicato valore etico-sociale, era un modo come un altro per stare insieme e festeggiare e riproporre questo piatto all’interno della nostra festa è in linea con quella visione di unità paesana.

Ricetta del “farrecillu” tradizionale

Ingredienti:

  • una manciata di fagioli
  • pomodoro in conserva
  • olio extra vergine di oliva
  • una carota
  • una costa di sedano
  • farro spezzato q.b.
  • una cipolla e mezzo
  • una patata
  • lardo q.b.
  • pecorino locale q.b.
  • sale

Procedimento:

Si prende una quantità di farro spezzato corrispondente ad una “iummella” (un’approssimativa unità di misura locale che equivale alla quantità che si riesce a prendere con un pugno della mano) a persona e si mette a bagno in un recipiente per un quarto d’ora circa. Passato tale tempo, si scola e si mette all’interno di un “callaro” (il caldaio, antico recipiente di rame per la cottura dei cibi) sul fuoco e si aggiunge, nelle quantità necessarie, cipolla a pezzi, lardo tagliato a dadini, una patata, fagioli già lessati e una parte di sugo di pomodoro preparato in precedenza. Si lascia cuocere per circa trenta minuti, mescolando il tutto continuamente per evitare che il farro si bruci. Una volta cotto si mette nelle scodelle, si condisce con il sugo rimasto e una spolverata di pecorino locale.

Durante la sagra che si svolge il 5 Agosto si può degustare una versione della ricetta leggermente rivisitata per accontentare tutti i tipi di gusto.

Nota:

Per tutte le informazioni descritte nel presente articolo si fa riferimento alla memoria delle persone anziane del paese e a quanto è già stato scritto negli opuscoli della festa pubblicati negli anni precedenti.

Pubblicato in Ricette tipiche

Informazioni

Associazione Culturale Toro Ossequioso
Via Steccato, 2 - Bacugno
02019 -  Posta (Rieti)

P.IVA 01074910579

sostientici

Seguici...

Designed by GPDesign

© 2018 Associazione Culturale Toro Ossequioso. All Rights Reserved.

Search

Questo sito utilizza cookies tecnici e di terze parti. Utilizziamo cookies per garantire la funzionalita' del sito. Non usiamo nostri cookie di profilazione.
Ci riserviamo di utilizzare cookies di parti terze per statistiche di accesso e condivisione sui social network. Per saperne di piu' consulta la nostra informativa sui cookie. Chiudendo questa notifica o interagendo con questo sito acconsenti al nostro utilizzo dei cookie.

Direttiva Europea